Ragù di carote

Ragù di carote

Per cambiare e per non mescolare carboidrati alle proteine ho preparato un ragù vegetale alle carote.  E’ semplicissimo e mi sono fatta aiutare da un piccolo tritatutto lasciando la macinatura un pò grossa, come se fosse macinato. Ho cucinato la cipolla e aggiunto la carota come un normale ragù, ma ho misurato la quantità di olio, solo un cucchiaino a persona. E’ venuto fuori un sugo molto gustoso ma light.

Difficoltà: facile

Tempi: 40-50 minuti

Ingredienti per 4 persone:

  • 4 carote grandi

  • 2 gambi di sedano

  • 1 cipolla macinata

  • 2 cucchiai di concentrato di pomodoro (piacere)

  • 3 dl di salsa di pomodoro

  • 4 cucchiaini olio e.v.o. ,sale q.b.

 

 Metti la cipolla macinata in una padella antiaderente con l’olio e dopo un paio di minuti aggiungi un pò di acqua, copri e lascia che la cipolla appassisca bene

Taglia a pezzettoni le carote ed il sedano e frulla grossolanamente.

trita in due volte, verrà meglio

aggiungi il trito alla cipolla cotta,mescola bene il tutto e fai insaporire quanlche minuto

aggiungi a questo punto il concentrato (se lo gradisci) e la passata di pomodoro, mescola bene il tutto, aggiungi il sale e fai insaporire un minutino

a questo punto aggiungi un paio di bicchieri di acqua

copri e lascia cuocere 10-12 minuti controllando e girando via via per evitare che attacchi e se necessario aggiungi ancora un poco di acqua

Lascia finire la cottura senza coperchio. Non dimenticare di assaggiare, se necessario aggiusta di sale, il risultato deve essere un sugo denso.

Adesso è pronto per condire una pasta corta o una deliziosa polenta.

 

Print Friendly, PDF & Email

One comment

  1. KaBrianne says:

    Salve, mi chiamo Carlo, sono nato e vivo in Brasile (San Paolo, città strapiena di immigranti italiani maggiormente del Sud Italia, napoletani per di più) mia famiglia di origini padovane ma ho vissuto (ho fatto l”università) a Bologna, dove ho vissuto per 8 anni. Ho perso il conto di quante volte ho fatto il ragù alla bolognese (con la ricetta depositata dall”Accademia Italiana di Cucina alla Camera di Commercio di Bologna negli anni 80, per tutelare la “vera” ricetta del ragù bolognese, che ho piu volte mangiato fatto da preclare e provate nonne Emiliane). Tutto questo per dire che ho provato a fare la vostra ricetta di Ragù Napoletano, che da tempo cercavo su Internet una ricetta “buona”, “verace” e devo dire la vostra mi ha “convinto”. Ho pure fatto le braciole, coi pinoli e con l”uvetta, come comanda il padreterno! Ma, nel momento di cucinare, vi informo, mi son trovato meglio con le pentole di ferro, che qui in Brasile si trovano (grazie a Dio) ancora e non costano tanto come le francesi. Possono essere benissimo usate sulle piastre a induzione (il mio ragù l”ho fatto metà sulla cucina a gas, le altre 3 ore sulla piastra perché solo li si riesce la temperatura “a lume di candela”. Se avete le pentole (ferro guisa, nere) di una volta usatele pure, il risultato è eccezionale!! diploma online

Lascia un commento